Per ottenere informazioni o prenotare una mostra, compila il seguente modulo.

Ai sensi del Decreto Legislativo n. 196/2003 La informiamo che i dati personali che ha appena inserito saranno trattati nel pieno rispetto di tale legge. Selezionando "Acconsento" esprime il consenso alla raccolta ed al trattamento dei dati personali da parte di Itaca Prima di procedere leggi la nostra privacy policy.
 
 

Sette secoli fa, fra il 1303 e il 1305, Giotto, su commissione di Enrico Scrovegni, ricchissimo banchiere padovano, che aveva eretto nell’antica arena romana di Padova un sontuoso palazzo, affrescò una cappella concepita per accogliere lui stesso e i suoi discendenti dopo la morte.

Questa piccola chiesa romanico-gotica, intitolata a Santa Maria della Carità, è considerata un capolavoro della pittura del Trecento italiano ed europeo e una delle massime espressioni dell’arte occidentale.

Il ciclo pittorico della Cappella sviluppa tre temi principali, ciascuno in dodici episodi, disposti sulle pareti della navata: la vita di Gioacchino ed Anna, la vita di Maria e l’infanzia di Gesù; la vita pubblica di Gesù, da battesimo fino alla sua morte e resurrezione. Infine lo zoccolo con le personificazioni delle sette virtù e dei sette opposti vizi che conducono rispettivamente al Paradiso e all’Inferno del grande Giudizio universale dipinto sulla controfacciata.

Gli affreschi, dopo un accurato restauro, sono ritornati all’antico splendore rivelando la bellezza e la genialità della pittura giottesca, che influenzò generazioni di artisti e mutò i canoni stilistici dell’arte italiana ed europea.

La mostra è una fedele riproduzione fotografica, in scala 1:4, delle pareti della cappella. Essa offre l’opportunità di guardare gli affreschi con il tempo necessario per cogliere la poesia iconica delle corrispondenze verticali e frontali, del simbolismo dei colori, dei numeri, delle prospettive architettoniche. Giotto, infatti, assieme a Dante è all’apice di una cultura in cui ogni particolare partecipa di un ordine che tutto abbraccia.

La mostra è disponibile in due versioni. Una, propriamente didattica, presenta tutto il ciclo degli affreschi; l’altra, dotata di una complessa struttura, comprende anche la volta ed è ideale per eventi e location di prestigio.